MAPUCHE CILENA, ALLO STREMO DOPO 95 GIORNI DI SCIOPERO DELLA FAME


La militante mapuche Patricia Troncoso è in condizioni critiche nel
carcere di Angol dopo 95 giorni di sciopero della fame, nel silenzio
del Cile e della comunità internazionale. È intenzionata a lasciarsi
morire se non verranno accolte le sue richieste.


Nel 1981 lo sciopero della fame a morte di Bobby Sands e di altri
repubblicani irlandesi, almeno commosse il mondo. Oggi quello di
Patricia Troncoso nel remoto Sud mapuche del Cile, rischia di produrre
lo stesso risultato, la morte, nel silenzio scandaloso della comunità
internazionale che continua a coccolare, qualunque cosa faccia, il
governo di Michelle Bachelet.


La notte di Natale Patricia, una giovane prigioniera politica con una
condanna a dieci anni di carcere, che in questi tre mesi ha già perso
23 kg di peso, ha inviato un drammatico messaggio: “Se la mia morte
servirà per la libertà dei miei fratelli, io non desisterò”. E la sua
richiesta e quella del popolo mapuche, circa un milione di persone (il
7% della popolazione del paese, ma la maggioranza in varie comunità del
sud del Cile), è la liberazione dei circa quaranta prigionieri
politici, e della fine della repressione contro le comunità indigene
che da sempre lottano per la strisciante appropriazione del loro
territorio da parte delle élite bianche in corso sostanzialmente da 450
anni e divenuta sistematica dalla presidenza di Manuel Montt alla metà
del XIX secolo.


La repressione in questo inizio di 2008 ha già portato via la vita di
Matías Catrileo, 22 anni. Come ammette lo stesso quotidiano della
destra cilena, El Mercurio, Matías è stato assassinato con un colpo di
pistola alle spalle sparato da un Carabiniere mentre scappava. Il
padrone della tenuta Santa Margarita, per il recupero della quale
Matías stava lavorando da circa un anno, l’avrebbe circondata
interamente con un fossato degno di un castello medievale, i cileni
dentro e i mapuche fuori, ed è un’immagine che più di ogni altra
testimonia uno dei conflitti più dimenticati del mondo.

Gennaro Carotenuto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...