CASTELVOLTURNO, ARRESTATI TRE PRESUNTI KILLER DELLA STRAGE

 
CASERTA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Caserta hanno arrestato nelle prime ore di oggi tre latitanti del clan dei "casalesi" , cercati da tempo perché ritenuti tra i componenti del gruppo di fuoco accusati di una serie di omicidi tra l’agro aversano e Castelvolturno. Il rifugio dei tre è stato scoperto in due villini di Quarto Flegreo, nel Napoletano. Sono Alessandro Cirillo, detto "o sergente", Oreste Spagnuolo e Giovanni Letizia.

Nel corso dell’operazione coordinata dal comandante dei Carabinieri di Caserta, colonnello Carmelo Burgio. I miliari hanno anche sequestrato due Kalasnikov e due pistole di grosso calibro.

OPERAZIONE CONTRO CASALESI, 107 ARRESTI E SEQUESTRI
Nel Casertano è in corso dalle prime ore di oggi una vasta operazione, coordinata dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia. Contro il clan camorristico dei casalesi, agenti della Squadra Mobile di Caserta, del Servizio Centrale Operativo e del Servizio Centrale Territoriale stanno eseguendo 107 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Tribunale di Napoli, su richiesta della DDA partenopea nei confronti di capi e gregari dell’ organizzazione criminale operante non solo in provincia di Caserta e nel basso Lazio ma con collegamenti nazionali ed internazionali.
Contestualmente all’attività della Polizia, la Guardia di Finanza sta procedendo nel Casertano, nella zona di Napoli, nel basso Lazio ed in Toscana al sequestro di beni mobili ed immobili e società commerciali riconducibili al clan camorristico per un valore di oltre 100 milioni di euro.

Oltre 500 tra poliziotti delle squadre mobili delle cinque province campane, di Latina, Campobasso, Isernia e Frosinone e dei reparti di prevenzione di tredici regioni italiane e militari della Guardia di Finanza stanno completando nel Casertano la vasta operazione coordinata dalla Dda di Napoli. Sono state eseguite oltre 100 ordinanze di custodia cautelare, delle quali 76 notificate in varie carceri italiane ad altrettante persone ritenute capi o gregari delle varie fazioni del clan camorristico dei casalesi. Tra le 26 persone arrestate stamani figura anche Giuseppina Nappa, 48 anni, moglie di Francesco Schiavone detto Sandokan, in carcere da circa 10 anni e ancora ritenuto a capo dell’organizzazione.

Nappa è accusata di ricettazione, per avere percepito lo stipendio che l’organizzazione assicurava mensilmente ai familiari degli affiliati detenuti. Arrestato nella propria abitazione anche un avvocato di Casal di Principe, Mario Natale, accusato tra l’altro di estorsione. Gli arresti e le notifiche dei provvedimenti restrittivi emessi dal tribunale di Napoli su richiesta della Dda partenopea sono quasi conclusi. Continua invece l’attività della Gdf di sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore di oltre 100 milioni di euro, ritenuti nelle disponibilità dei destinatari dei provvedimenti restrittivi.

 
 
Annunci

Un commento

  1. Ciao ho assegnato un premio al tuo blog,passa da me per ritirarlo! (scusate il copia e incolla,non lo faccio mai ma stavolta devo avvisare quasi 30 persone !!)P.s. scusa,so che non centra niente con questo intervento,ma non sapevo dove lasciarlo scritto in modo che potessi notarlo e in un intervento troppo vecchio non mi pareva il caso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...