Premio Nobel ai prestigiatori della medicina

 

Ci sono persone che farebbero (e fanno) di tutto pur di accaparrarsi i prestigiosi Premi Nobel, e ovviamente il gruzzoletto messo a disposizione dalla caritatevole Fondazione svedese omonima. Qualcuno ucciderebbe il collega, qualcun altro falsificherebbe i dati o venderebbe la propria anima al Diavolo pur di salire sul palco e tornare a casa con l’ambito premio.
I Nobel sono decisi dall’establishment scientifico internazionale, per premiare ufficialmente ed economicamente i ricercatori che portano avanti, nei loro specifici rami, il paradigma ufficiale. Ne più ne meno.
Le prove ovviamente non mancano e basterebbe avere un po’ di memoria storica – ahimé sempre più labile grazie alla televisione e al bombardamento mediatico. Uno per tutti: la “statuetta per la Pace ” al massone eugenetista Albert Arnold Gore junior, pochi mesi fa.

Nel 2008 ad aggiudicarsi il Nobel per la medicina sono addirittura ben tre “scienziati” europei “autori di due scoperte chiave per la salute umana: il tedesco Harald zur Hausen, per aver dimostrato che ‘il Papillomavirus umano causa il carcinoma della cervice’; e i francesi Francoise Barrè-Sinoussi e Luc Montagnier, per la loro scoperta dell’Hiv” (Adnkronos, 6 ottobre 2008).

In periodo di grandi campagne per la vaccinazione di massa contro il fantomatico HPV, papilloma virus, è più che doveroso premiare i servitori delle lobbies del farmaco.
Lobbies potentissime come la Merck che produce il vaccino Gardasil (564,00 euro per 3 siringhe e che provocò una strage con l’antidolorifico Vioxx per fortuna ritirato dal commercio pochi anni fa) e la GlaxoSmithKline che sforna il Cervarix (oltre a produrre mostarde azotate per i tumori, cioè agenti vescicanti derivanti dalla guerra chimica, come l’Hycamtin a soli 1850,00 euro a fiala), tanto per ricordare due nomi.

Affermano gli studiosi dell’Assemblea dei Nobel: «La sua scoperta ha portato alla comprensione dei meccanismi della cancerogenesi indotta dall’Hpv e, alla fine, allo sviluppo di vaccini profilattici contro il Papillomavirus". (Adnkronos, 6 ottobre 2008).
Soprattutto lo sviluppo di vaccini contro il virus!

Ma in tema di virus fantomatici, il podio in assoluto se lo merita l’Hiv.
Ed è per coerenza, che il Premio Nobel per la medicina è andato anche a Luc Montagnier & C.: ufficialmente “lo scopritore dell’Hiv”, cioè del retrovirus colpevole dell’Aids!
A questo punto sorge spontanea una domanda: come mai oggi, di punto in bianco, l’establishment decide di premiare, dopo ventiquattro anni dalla presunta scoperta, il ricercatore? Soprattutto in un momento molto particolare dove il sistema economico sta crollando come un castello di sabbia al sole – trascinando nel baratro moltissime istituzioni e banche collegate?

Non è un po’ strano che le Grandi Menti dell’accademia, si preoccupino del Papilloma e dell’Hiv?
L’Aids era scemato lentamente nel dimenticatoio.
Tutti noi ci siamo dimenticati le affermazioni terroristiche dei giornali (il caso di Enzo Biagi e del suo libro “Il sole malato” è emblematico), dei medici, delle chiese in generale e dei luminari di turno.
L’Aids era “la peste del 2000 , “la nuova Apocalisse”, “il virus dello sterminio” che avrebbe decimano la popolazione mondiale, rea di aver ceduto al sesso e ai rapporti promiscui.
Erano i tempi in cui Ronald Reagan definiva l’Aids “il nemico pubblico n .1 , Karol Wojtyla consigliava spassionatamente il vincolo sessuale della castità come “l’unico modo sicuro e virtuoso per porre fine alla tragica piaga dell’Aids” (Il Corriere della Sera, 8 febbraio 1993), e Margaret Thatcher concludeva il discorso di fine anno alla nazione con “Dio salvi l’Inghilterra dal flagello della nuova peste“ (“Contro l’Aids, Reagan predica la castità”, Il Corriere della Sera, 4 febbraio 1987).
Eravamo nel 1987, solo 21 anni fa e non nel Medio o Tardoevo!

La pandemia dov’è finita? Sodoma e Gomorra che fine hanno fatto? I sessuofobici dove si sono nascosti?
Ma andiamo per ordine, perché questa triste storia inizia il 23 aprile 1984 quando il dottor Robert Gallo dell’Istituto superiore di sanità statunitense annuncia al mondo intero che era stata individuata una nuova malattia infettiva, causata da un retro-virus (scoperto ovviamente dallo stesso Gallo) e trasmessa attraverso il sangue o il contatto sessuale! Entro due anni – canta sempre il Gallo – sarebbe pronto un vaccino specifico contro l’Aids. Nel frattempo si era però premunito, come sanno fare bene alcuni ricercatori, di registrare e brevettare il “test dell’Aids”. Quindi dal 1984 in poi, ogni test che verrà eseguito per l’Aids nel mondo porterà delle royalty (interessi) nelle casse…

I primi casi ufficiali di Aids risalgono al 1981 e già nel 1983 Robert Gallo pubblica sulla prestigiosa rivista Science l’annuncio dell’isolamento del virus.
Dall’altra parte dell’oceano e sullo stesso numero della rivista un virologo francese Luc Montagnier dell’Istituto Pasteur descriveva l’isolamento di un retro-virus chiamato Lav.
Dopo le dichiarazioni di Gallo del 23 aprile 1984, in maggio dello stesso anno l’Istituto Pasteur accusa Gallo di essersi indebitamente appropriato del virus Lav scoperto da Montagnier per sviluppare i test (poi brevettati).

Parte un contenzioso giudiziario, e come si potrà immaginare non è stato per per interessi economici ovviamente, ma per "fini umanitari", che si conclude nel 1987 con la firma reciproca di un accordo internazionale che stabilisce che Robert Gallo e Luc Montagnier erano i due “co-scopritori del virus dell’Aids”, ribattezzato nel frattempo Hiv.
I proventi miliardari dei test dell’Aids, da quel giorno in poi saranno equamente divisi tra loro (Gallo e Montagnier) e le nazioni (Francia e Usa).

Qualche giorno fa la Fondazione Nobel riconosce al francese Luc Montagnier la paternità del virus.
Detto questo, la cosa che è sfuggita è che non si parla più di Aids.
I giornali non scrivono nulla e i medici non rilasciano se non qualche striminzita intervista sulla situazione africana. Come mai?
Semplice: si è verificato che l’uguaglianza  Hiv = Aids è una balla immensa, forse la più grande menzogna della storia della medicina. Una balla da centinaia di miliardi di dollari ogni anno!
Grandi e onesti ricercatori come Peter H. Duesberg (uno dei più famosi virologi e docente di Biologia molecolare e cellulare alla Berkeley in California, il primo scienziato al mondo ad aver isolato un gene del cancro), Kary B. Mullis (Premio Nobel per la Chimica ) e moltissimi altri stanno mettendo in guardia le persone e le istituzioni da decenni!

“Sappiamo che errare è umano, ma l’ipotesi Hiv-Aids è un errore macroscopico”
Dottor Kary B. Mullis

Nessuno nega l’esistenza dell’Aids come sindrome da immunodeficienza (provocata da stili di vita, alimentazione, farmaci, droghe, trasfusioni, ecc.), quello che viene contestato è il legame con il misterioso virus Hiv, e cioè che questo virus sia la causa dell’Aids.
Sono migliaia nel mondo questi scienziati tra virologi, epidemiologi, infettivologi, biologi molecolari, esperti di salute pubblica e anche tre Premi Nobel (per quanto possono valere tali premi).
Non esiste alcuna correlazione tra Hiv e Aids, cioè tra virus (Hiv) e malattia conclamata (Aids) e i dati di fatto parlano chiaro.
La pandemia che tutti strillavano non c’è mai stata, anzi si è dissolta come neve al sole.

In Africa continuano a morire da migliaia di anni delle stesse malattie (tubercolosi, malaria, dissenteria, malnutrizione, ecc.) e i test per l’Aids vengono fatti in quei paesi solo sui sintomi e quindi in maniera non scientifica e non riproducibile. Malattie che necessitano non di vaccini, ma di acqua pulita e cibi sani. Ma questo per gli eugenetista occidentali non sa da fare…meglio lasciarli morire di stenti, di inedia e di Aids…  

Apro una piccola parentesi sui test per l’Aids, perché presentano spessissimo dei "falsi positivi". 
Significa che dopo il test si può risultare positivo (sieropositivo)
, ma ovviamente non lo so si è. Ecco il falso positivo! 
Anche dei semplici
trattamenti medico-preventivi, come una vaccinazione antinfluenzale, possono far risultare positivo un test. Quindi a tutte le persone che hanno fatto il test ed è risultato positivo è consigliato ripeterlo almeno tre volte, cambiando per sicurezza laboratorio. 

Oggi come ieri, le uniche categorie a rischio sono: gli omosessuali, tossicodipendenti ed emotrasfusi, e c’è per tutto questo una spiegazione.
Le prime due categorie (omosessuali e drogati) sono a rischio a causa dello stile di vita; gli omosessuali spesso usano nitriti che sono immunodepressivi, hanno spesso infezioni trattate con antibiotici (immunodepressivi a loro volta), per non parlare della droga che è una delle sostanza più pericolose per il sistema immunitario e non solo.
Tutto questo predispone l’organismo umano a quello che viene definito Aids, cioè depressione del sistema immunitario, con le conseguenze che si possono immaginare.
Negli emotrasfusi, proprio a causa delle continue trasfusioni, il sistema immunitario è totalmente depresso.

Come vedete il comune denominatore è la depressione del sistema immunitario e non il virus.
Se poi analizzassimo le caratteristiche virologiche dell’Hiv comprenderemo per bene tale truffa.

1) il primo postulato di Kock: “il microbo deve essere trovato in tutti i pazienti affetti dalla malattia”
Il Sarcoma di Kaposi è da tempo sinonimo di Aids, ma nessuna traccia del virus si riesce a trovare nei sarcomi di Kaposi. Vi sono malati di Aids (cioè malattia conclamata) che non sono sieropositivi (cioè positivi al test del virus Hiv) e sieropositivi che non hanno la malattia conclamata (Aids).

2) il secondo postulato di Kock: “il microbo deve poter essere isolato dal suo ospite e coltivato in coltura”
In moltissimi casi non si riesce ad evidenziare un virus attivo in molti casi di Aids che pure hanno anticoprti anti-Hiv accertati.

3) il terzo postulato di Kock: “il microbo deve riprodurre la stessa malattia originale quando viene inoculato in un ospite suscettibile”
L’Hiv non rispetta il terzo postulato: cavie infettate non hanno manifestato nulla. Su 33 medici infettati accidentalmente, sette mostravano sintomi simili all’Aids.

Se fosse un virus l’Hiv dovrebbe, oltre ad obbedire alle leggi della virologia, infettare ogni cellula del corpo umano entro poche settimane dal contagio. Ma oggi la virologia ufficiale utilizza un lasso di tempo di incubazione di 15 anni. Inizialmente tale periodo era 18 mesi, ma le persone infettate non morivano per cui sono stati costretti ad aumentare i tempi di incubazione.

Come vedete si tratta di un virus magico e misterioso: non risponde alle leggi della virologia; non esiste un antidoto; può sparire per vent’anni per poi apparire devastando il sistema immunitario; c’è quando non dovrebbe esserci e non c’è quando invece ci sono tutti i presupposti; cambia forma a proprio piacimento come un camaleonte; si trasmette sessualmente e con contatto di sangue (dicono ma non è vero).

«Il mistero che circonda quel dannato virus è il frutto inevitabile di quei due miliardi di dollari che ci spendono sopra ogni anno. 
Se prendessimo un qualsiasi altro virus e spendessimo due miliardi di dollari ogni anno per studiarlo, 
state certi che anche quel virus produrrebbe misteri a bizzeffe.

Kary B. Mullis (Premio Nobel per la Chimica ) scritto agli inizi degli anni ‘90

 
Marcello Pamio
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...