Allarme colera in Zimbabwe L’Oms: “E’ fuori controllo”

 
L’epidemia ha ormai superato i tremila morti e i 57mila casi di contagio
L’agenzia specializzata dell’Onu: "Ci avviciniamo al peggiore degli scenari"
 

Ha ormai superato i tremila morti e i 57mila casi di contagio l’epidemia di colera che dallo scorso agosto ha investito lo Zimbabwe. E la situazione è "fuori controllo".

 

A dare l’allarme è l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha diffuso l’ultimo bilancio dell’epidemia: il numero delle vittime accertate è di 3.028, mentre quello degli episodi conclamati della malattia è di 57.702. Rispetto all’ultimo aggiornamento di ieri, l’incremento è stato rispettivamente di 57 e di 1.579 unità, facendo registrare così la peggiore epidemia avvenuta in Africa negli ultimi quattordici anni.

 

Le agenzie dell’Onu impegnate nel paese ribadiscono oggi che la malattia "non è ancora sotto controllo" e questa situazione "non dovrebbe cambiare in un futuro prossimo". "Ormai ci stiamo avvicinando al peggiore degli scenari, con 60mila persone malate", ha detto il portavoce dell’Oms, Fadela Chaeb.

 

Secondo l’Oms, quasi la metà dei 12 milioni di abitanti dello Zimbabwe rischia di contrarre la malattia a causa delle precarie condizioni di vita nel paese. L’epidemia ha già colpito anche i paesi vicini, in particolare il Sudafrica, dove sono stati registrati 2.600 casi di contagio e 31 decessi.

 

Tra le cause dell’epidemia c’è il collasso del sistema snaitario nazionale, dovuto alla grave crisi economica che il paese sta attraversando, e il conseguente inquinamento delle acque.

 

Edito su Repubblica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...