Trasporti: c’era una volta il sogno di Cascetta. Oggi c’è l’incubo dei campani

A quattro anni dalla giunta di centro sinistra, il Governatore Caldoro fa i conti con un disastro che prevede debiti per centinaia di milioni ed il trasporto pubblico abbandonato a sé stesso

C’era una volta la metropolitana regionale, sogno di Cascetta e di Bassolino. A quattro anni dlla giunta di centro sinistra, il Governatore Caldoro fa i conti con un disastro che prevede debiti per centinaia di milioni ed il trasporto pubblico abbandonato a sé stesso.

Ad inizio secolo, un professore dell’università Federico II immaginò di dotare la regione più densamente popolata d’Italia di un trasporto pubblico efficiente e moderno senza gravare eccessivamente sui contribuenti in maniera diretta ma attingendo ai fondi europei. Iniziò il sogno di Ennio Cascetta che, in 10 anni, contribuì ad ampliare la “Metropolitana regionale” della Campania di 54 km e 39 stazioni tra nuove e riqualificate.

La fine della presidenza Bassolino si chiuse con all’attivo questo successo ed al passivo i crediti alle imprese, che avevano messo su cantiere, per 240 milioni, da onorare con fondi europei. Gli stessi fondi che, sulla programmazione 2007-2013, servivano per ultimare le opere di ammodernamento del trasporto e chiudere numerosi cantieri aperti. Tutto bloccato nel 2010 per l’autotutela dalla nuova giunta che si avvicendò. (..continua sul sito Linkabile)

Raffaele Perrotta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...